Progetto sulle emozioni al museo per la scuola primaria

j

Scritto da Laura Lanari

Data

Settembre 25, 2021

Nel corso della nostra esperienza una grande attenzione è stata rivolta alla sperimentazione di laboratori tematici sul rapporto tra colore ed emozioni per i bambini della Scuola dell’Infanzia e della Scuola Primaria.

La sperimentazione Musedu mette in campo un approccio integrale con al centro la percezione sonora, visiva ed emozionale dei colori e delle emozioni.

Il connubio arte, emozioni e bambini

Arte, emozioni e bambini rappresentano tre ingredienti profondamente connessi e che in una logica circolare possono dar vita ad un vero e proprio microcosmo educativo.

La nostra esperienza ci ha dimostrato come i bambini siano naturalmente portati alla riflessione collettiva e individuale sulle emozioni e sul proprio modo di esprimerle nel momento in cui sono a contatto con il mondo dell’arte.

Colori ed emozioni nella Scuola Primaria

 

La presente progettazione rivolta alla Scuola Primaria, si configura come un vero e proprio percorso sull’emozione, nato dall’esigenza di contribuire alla crescita emotiva dei bambini dai 6 ai 10 anni.

Nell’articolo, che si rivolge sia ai Docenti della Scuola Primaria che agli Educatori Museali, troverete un breve specchietto teorico e a seguire alcuni consigli per la realizzazione di un percorso sulle emozioni nella scuola primaria, sia in classe che al museo, rivolta al tema del rapporto tra “colore ed emozioni”.

E’ interessante notare come, nelle Indicazioni Nazionali del curricolo, gli obiettivi della competenza emotiva per la scuola primaria, siano spalmati negli insegnamenti di educazione musicale ed educazione all’immagine mentre per la scuola dell’infanzia ci sono dei campi di esperienza dedicati.

Se sei un insegnante della scuola primaria e stai leggendo questo articolo, sono certa che concorderai con il fatto che la competenza emotiva può essere esercitata in tutte le discipline e rappresenta, anzi, un’ottima opportunità per la pratica didattica.

Le emozioni nell’arte per la Scuola Primaria

Le attività sulle emozioni nella Scuola Primaria possono condurre allo sviluppo di interessanti spunti per esplorare la sfera emotiva dei bambini.

I colori sono ovunque e caratterizzano il nostro abbigliamento, le nostre case e anche i nostri disegni. Non è casuale se in natura a contatto con il verde in una giornata serena ci sentiamo bene e i nostri nervi si distendono; il verde infatti può essere un colore rasserenante. In un primo momento, è giusto lasciare il bambino libero di esprimere una sua personale connessione tra emozione e colore per poi condurlo alla comprensione di un linguaggio comune, quello dei colori, accompagnandolo anche alla lettura del mondo che ci circonda, che, per l’appunto, utilizza un sistema convenzionale.

Le emozioni, per i bambini della scuola primaria, iniziano a prendere forma nella loro mente tanto da iniziare a riconoscerle negli altri ma in sé stessi. Questo momento di crescita di consapevolezza del proprio stato emotivo è associato al modo in cui il bambino si relaziona con gli altri e all’importanza che iniziano a ricoprire le amicizie.

L’attività prende avvio dall’esplorazione di dipinti, dai più antichi fino all’arte contemporanea, la selezione è dettata dal Museo o dalla scelta dell’Insegnante.
Durante l’esplorazione si andrà a caccia della rabbia nell’arte o dei colori che rappresentano la paura per scoprire che ogni emozione ha un colore e quali sono i colori delle emozioni che proviamo.
Si consiglia di lavorare su una sola opera o su massimo 3 dipinti ma dallo stile molto differente l’uno dall’altro così da stimolare i bambini a differenti riflessioni.

In tutti i casi l’analisi collettiva dei dipinti insieme allo sviluppo di una discussione di classe permette ai bambini di notare le differenti rappresentazioni delle emozioni ma allo stesso tempo di comunicare le proprie emozioni emerse a contatto con un dipinto piuttosto che con un altro. Gli incontri prevedono la pratica del brainstorming e del circle time.

Si organizzano corsi di formazione in modalità online e in presenza, iscriviti alla nostra newsletter per rimanere aggiornata.
Oppure contatta Laura per qualsiasi informazione all’indirizzo lauralanari@museieducativi.it

L’importanza delle emozioni nella scuola primaria

Voglio chiudere questo articolo informativo con una citazione di Daniel Goleman tratta dal suo libro Intelligenza Emotiva, come provocazione e stimolo per trovare sempre di più occasioni rivolte all’esplorazione della sfera emotiva dei nostri studenti.

«Ho scritto “Emotional Intelligence” in un momento in cui la società civile americana si dibatteva in una crisi profonda, caratterizzata da un netto aumento della frequenza dei crimini violenti, dei suicidi e dell’abuso di droghe – come pure di altri indicatori di malessere emozionale – soprattutto fra i giovani. Il mio consiglio per guarire questi mali sociali era di prestare una maggiore attenzione alla competenza sociale ed emozionale nostra e dei nostri figli, e di coltivare con grande impegno queste abilità del cuore.»

LINK AL VIDEO

 

Bibliografia:
  • Psicologia dello sviluppo. Un’introduzione di H. Rudolph Schaffer
  • Star bene insieme a scuola. Donata Francescato, Anna Putton, Simona Cudini.
  • Daniel Goleman, Intelligenza Emotiva
Visioni museali

Visioni museali

Ma vi ricordate che a maggio 2020, ho composto un documento visionario che prendeva in esame la situazione dei servizi educativi in Italia e ne tracciava le prospettive per l'era post-quarantena?  Molti di voi risponderanno: - Bohhh!  ehehe giusto! 🙂 Vi sto dicendo...

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza i cookie affinchè l'utente abbia una migliore esperienza nell'utilizzo. Se continui a navigare nel sito stai dando il tuo consenso all'accettazione dei cookie e della nostra policy sui cookie.     ACCETTA

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Una o due volte al mese ti manderò dei contenuti nuovi oppure, di tanto in tanto, ti informerò di qualche nostra iniziativa.

Grazie per esserti iscritto!